archivio Giuseppe Martelli
dedicato agli alpini in armi e in congedo

dislocazione degli Alpini nel marzo 1873

 

Con Regio Decreto del 15 ottobre 1872, mentre si aumentava il numero dei Distretti militari esistenti, si fissava per alcuni di essi un nuovo quadro organico per istituire 15 “compagnie alpine”, le quali, come era detto nella Relazione che precedeva il Regio Decreto “avevano la speciale destinazione di guardare alcune delle valli della nostra frontiera occidentale e settentrionale”.
La stessa relazione accennava già alla “possibilità di formare altre compagnie alpine quando si manifestasse la convenienza e quando, come era a sperare, quella prima creazione dimostrasse col fatto di corrispondere allo scopo”.
Nel marzo 1873 si formarono queste prime 15 Compagnie, delle quali undici vennero raggruppate il quattro Reparti Alpini, al comando ciascuno di un ufficiale superiore, assegnato in più dell’organico del distretto stesso da cui dipendevano le compagnie, le altre quattro non passarono alla dipendenza di alcun comando di reparto.

Le Compagnie ebbero la seguente dislocazione:

Numero Compagnia

Dislocazione Compagnia

Distretto di dipendenza

  1ª Compagnia

Borgo San Dalmazzo

 

  2ª Compagnia

Demonte

Cuneo

  3ª Compagnia

Venasca

 

  4ª Compagnia

Lucerna San Giovanni

 

  5ª Compagnia

Fenestrelle

Torino

  6ª Compagnia

Oulx

 

  7ª Compagnia

Susa

 

  8ª Compagnia

Aosta

Torino

  9ª Compagnia

Bard

 

10ª Compagnia

Domodossola

Novara

11ª Compagnia

Chiavenna

 

12ª Compagnia

Sondrio

Como

13ª Compagnia

Edolo

Brescia

14ª Compagnia

Pieve di Cadore

Treviso

15ª Compagnia

Tomezzo

Udine