soci illustri della Sezione ANA bolognese romagnola

anche un Capo di Stato estero : il Tenente Giuliano Gozi
di Giuseppe Martelli

pagina aggiornata il 1° gennaio 2016
Tutti conoscono la Repubblica di San Marino, sita all’interno del territorio romagnolo, ma pur sempre Repubblica e quindi Stato indipendente, ma forse non tutti sono a conoscenza del suo Ordinamento o sanno che la Costituzione in vigore è stata emanata nell’anno 1559.
I poteri legislativi della Repubblica sono affidati al Consiglio grande e generale composto da 60 membri eletti ogni cinque anni. Il potere esecutivo è esercitato dal Congresso di Stato, diviso in dieci dicasteri, presieduto ciascuno da un Segretario di Stato. All’interno del Consiglio vengono eletti ogni sei mesi i due Capitani Reggenti che hanno la prerogativa di Capo dello Stato.
I due Capitani presiedono le sedute del Congresso e sovrintendono alla politica generale.

Il piccolo Stato della Repubblica di San Marino

La solenne cerimonia di ingresso dei Capitani Reggenti che si svolge al Palazzo Pubblico ogni anno a marzo e a settembre.
Queste brevi e mirate note introducono al tema di questa curiosità legata alla storia della Sezione ANA Bolognese Romagnola.
Nel ritrovato tabulato soci del 1925 compare iscritto con indirizzo Repubblica di San Marino il Signor Gozi Comm. Giuliano. Spinto dalla curiosità ho iniziato una ricerca sulla mia raccolta del giornale “L’Alpino” e con sorpresa ho ritrovato la notizia che il consocio (come si diceva allora) Comm. Gozi è stato Capitano Reggente, quindi a tutti gli effetti Capo di Stato di una Repubblica che, come tale, è da considerarsi territorio estero.

Il talloncino per il rinnovo tessera e abbonamento a
L’ALPINO per l’anno 1925 del socio Gozi Giuliano
.

ma chi era Giuliano Gozi?

Per dare una risposta a questa domanda mi sono recato a San Marino e grazie alla collaborazione del personale della Biblioteca di Stato sono riuscito a raccogliere queste note, che ovviamente sono limitate al periodo che ci interessano.
Sul giornale “il Popolo Sammarinese” del 17 aprile 1923 compare un articolo con le note biografiche sul Capitano Reggente Comm. Avv. Giuliano Gozi, da poco eletto, articolo che propongo fedelmente trascritto:

 

 

Giuliano Gozi nel periodo
di Capitano Reggente.

Giuliano Gozi, Tenente del 3° alpini, nato a San Marino il 7 agosto 1894, studente a Bologna nel 1914-1915 partecipò attivamente alle manifestazioni che precedettero e decisero l’entrata in guerra da parte dell’Italia. Rientrato appena il 24 maggio nella Repubblica, si fece promotore dell’arruolamento volontario fra i giovani sammarinesi. Non accettato al 27° Reggimento Fanteria di Forlì fu arruolato fra i primi a Bologna e incorporato nel 35° Fanteria. Inviato alla Scuola Militare di Modena, nel novembre 1915 fu nominato Sottotenente degli alpini e comandato subito al fronte nel 3° Reggimento; in Valle del Boite, nella zona delle Tofane, partecipò ininterrottamente alle azioni di Cima Lagazuoi, della Forcella di Fontana Negra, del Castelletto, di Cima Falzarego dove si guadagnò la medaglia con la seguente motivazione “Comandante di un plotone di avanguardia, dando bella prova di fermezza e coraggio, per primo si slanciava sotto i reticolati nemici per tagliarli e vi si manteneva per parecchio tempo, nonostante l’intenso fuoco avversario, ritirandosi solamente in seguito ad ordine superiore (29-30 luglio 1916)”. Promosso Tenente e inviato per anzianità di servizio di prima linea all’istruzione delle reclute, nell’agosto 1917 fece servizio di pubblica sicurezza durante i moti di Torino. Alla ritirata di Caporetto accorse nuovamente al fronte e col Battaglione Monte Pasubio, del 6° Alpini, partecipò alla resistenza del Monte Grappa (Valderoa e Solarolo). Fu successivamente in Val d’Astico, ai Sogli Bianchi, in Val di Ledro, al Tonale e allo Stelvio. Il comandante del 3° Corpo d’Armata in tale occasione gli conferì la croce di guerra. Lasciò il Regio Esercito il 4 settembre 1918 per motivi politici, infatti, essendo stato nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri, sin dal 25 luglio 1918 aveva ricevuto invito di rimpatrio, trasformatosi in ordine a seguito di sollecitazione del Regio Ministero degli Esteri che “nelle circostanze in cui varie questioni erano pendenti con la Repubblica e attendevano soluzione, riteneva utile che l’Avv. Gozi potesse ricoprire quella carica”. Oltre le citate ricompense, il Gozi fu insignito della medaglia delle Campagne 1915-1918, del distintivo istituito con Regio Decreto 21 maggio 1916, della medaglia d’onore all’Esercito e all’Armata, della medaglia Interalleata, della medaglia d’argento della Croce Rossa, della medaglia d’argento della Repubblica di San Marino, che nella Tornata Consigliare del 13 settembre 1927 veniva commutata dalla 2ª alla 1ª Categoria. Non ha la medaglia dei volontari perché rinunciò a richiederla al Regio Ministero della Guerra che ne discuteva la concessione a favore di altri suoi compagni sammarinesi. Gli fu conferita la croce di Cavaliere di 1^ classe dell’ordine Militare “La Fayette”. - Repubblica di San Marino 17 aprile 1923 -.
note: la medaglia di cui si fa riferimento è quella di Bronzo al valor militare.

 

A San Marino

Con vivo compiacimento annunciamo che nello scorso mese il nostro consocio Comm. Avv. Giuliano Gozi, volontario di guerra, è stato nominato Reggente della Repubblica di San Marino.

Al neo eletto le cordiali felicitazioni dell’A.N.A.

(dal giornale “L’Alpino” del 15 aprile 1923)

 

La conferma della notizia la si ritrova anche sulle pagine de “L’Alpino” dove compare, sul numero del 15 aprile 1923, una breve nota della sua nomina inviata al giornale dalla Sezione Bolognese Romagnola, che ovviamente ritiene giusto onorare quell’illustre consocio organizzando il successivo 6 maggio una gita a San Marino per incontrare e salutare il neo Capitano Reggente.

 

 

 

 

 

La cronaca, senza firma, è riportata su “L’Alpino” nel numero del 15 maggio 1923 qui sotto riprodotto.

LA SEZIONE BOLOGNESE ROMAGNOLA A SAN MARINO

La gita a S. Marino, che ha avuto luogo domenica 6 maggio u. s., è riuscita una simpaticissima manifestazione dell’attività Sezionale dei nostri consoci bolognesi e romagnoli.

Il nucleo principale della spedizione, partito da Bologna nelle prime ore della mattina, giungeva verso le dieci a S. Marino ricevendo accoglienze festosissime da parte di quella nobile popolazione. La magnifica Reggenza della Repubblica, degnamente rappresentata dal consocio Avv. Comm. Giuliano Gozi, volle onorare gli “scarponi” con un signorile rinfresco nel palazzo del Governo, durante il quale furono pronunziate parole di saluto e di ringraziamento dal Presidente della Sezione Comm. Seracchioli, cui rispose il Reggente Gozi, esprimendo tutta la sua profonda soddisfazione per la visita dei vecchi compagni d’arme fra i castelli gloriosi della Repubblica.

Dopo aver ammirato le belle opere d’arte raccolte nel Museo e le altre notevoli vestigia storiche della Repubblica, i gitanti si riunirono a lieto simposio con i consoci sammarinesi all’Albergo Titano, dove nuovi brindisi venivano scambiati fra il consocio On. Manaresi e il rappresentante della Reggenza.

In ritardo come sempre sopraggiungeva il gruppo degli “scarponi” imolesi capitanati dall’amico dottor Rino Alvisi e in loro onore i sammarinesi non mancarono di sturare altre bottiglie alla salute degli Alpini e della Repubblica!

Fra i canti e i cori la partenza avvenne verso le 17, e invece di prendere subito la via del ritorno, le automobili si diressero verso il mare.

A Rimini, una breve sosta sulla spiaggia durante la quale il Presidente Seracchioli riuscì a stento ad evitare di essere….buttato a mare; e poi in volata da Rimini a Bologna, senza che il polverone della strada riuscisse mai a spegnere i canti, né a soffocare le altre manifestazioni….vocali di Colliva e Campari!


note a margine dell’articolo:
Rino Alvisi di Imola (BO) il cui nome di battesimo era Gualtiero veniva così soprannominato dagli amici “scarponi”. Il citato Campari era il capitano, poi colonnello Ettore Campari di Monghidoro (BO). Entrambi erano stati fra i soci fondatori l’anno precedente della Sezione Bolognese Romagnola. Manaresi Angelo, bolognese, già eletto deputato al parlamento, verrà nominato nel 1928 Commissario straordinario e dal 1929 Presidente Nazionale dell’A.N.A., carica che manterrà fino all’8 settembre 1943.

Questa inedita immagine vede ritratti alcuni Alpini della Sezione sulla spiaggia
di Rimini in occasione della gita a San Marino del 6 maggio 1923.


aggiornamento inserito il 1° dicembre 2013

Dalla Repubblica di San Marino è giunta inaspettata questa email:

Buonasera, ho letto con molto piacere un articolo di Giuliano Gozi, Repubblica San Marino. Pertanto con la presente sono a richiedere, in qualità di nipote del Conte Gozi, fotografie,  articoli, documenti che attestino l'iscrizione di mio zio da poter inserire nell' Archivio di famiglia. Rimanendo a disposizione per ulteriori chiarimenti e disponibile ovviamente alle spese, l'occasione è gradita per porgere distinti saluti. Paola Barbara Gozi
nello stesso giorno le è stata inviata con piacere la documentazione richiesta, che si riferisce all'iscrizione alla nostra Sezione A.N.A. e che conservo nel mio archivio...

Grazie infinite Sig. Martelli. Le conserverò, appena stampate, nell'Archivio di Famiglia con l'indicazione del suo nominativo. Grazie ancora Paola Barbara Gozi

Buonasera, certa di fare cosa gradita, le invio la tessera di riconoscimento di mio zio Conte Giuliano Gozi. L'ho "trovata" solo ora nell'archivio di famiglia. Ho piacere che una copia la tenga anche lei nel suo ricco archivio oppure se vuole può inserirla nel sito come alpino sammarinese. saluti, Paola Barbara Gozi

ai miei ringraziamenti, così risponde e conferma
Sono contenta che la foto sia piaciuta. Si la riproduzione è vietata. saluti, Paola Barbara Gozi

 


fronte della Tessera con i dati anagrafici

retro con i Contrassegni Personali e fotografia

documento gentilmente concesso dalla nipote sig.ra Paola Barbara Gozi che ne mantiene la proprietà e ne vieta la riproduzione senza autorizzazione scritta.



aggiornamento inserito il 1° gennaio 2016


Sabato 28 novembre 2015 a San Marino in appropriata e prestigiosa sede, la nipote dott.ssa Paola Barbara Gozi ha presentato il suo libro biografico dedicato allo zio Giuliano Gozi "UN UOMO UNA PATRIA". Con la presenza di diverse autorità civiche e militari sammarinesi ed un folto pubblico, vi erano inoltre con cappello e gagliardetto i rappresentanti dei gruppi alpini di Cesena, Faenza-Castelbolognese e Rimini. Il Coro "Stella Alpina" di Riccione ha tenuto un applaudito concerto proponendo i più suggestivi canti della tradizione delle Penne Nere.

apri la pagina della presentazione del libro : libro Giuliano Gozi