storia del territorio bolognese romagnolo

UN ROMAGNOLO AL COMANDO DEL 4° CORPO D’ARMATA
il Tenente Generale Tullo Masi

di Giuseppe Martelli

Tullo Masi nasce a Lugo di Romagna in provincia di Ravenna il 19 marzo 1863. Svolti i primi studi, sentendosi incline alla vita militare, si trasferisce giovanissimo a Torino quale allievo nell’Accademia Militare di Artiglieria e Genio dalla quale esce nel 1872 con la nomina a Sottotenente del Genio. Non si conoscono con esattezza i reparti dove svolge servizio fino al grado di Capitano, raggiunto il quale, è ammesso a frequentare il biennio alla Scuola di Guerra. Per i risultati conseguiti transita nel servizio del Corpo di Stato Maggiore dove rimane fino al 1895. Promosso Colonnello nel 1896 assume il comando dell’88° Reggimento fanteria della Brigata “Friuli” con sede di comando a Milano. L’anno successivo, sempre a Milano, ha il comando del 3° Reggimento bersaglieri che mantiene fino al 1901. Con l’avanzamento al grado di Brigadiere Generale viene designato comandante della Brigata di fanteria “Ferrara” con sede di comando a Lecce. Promosso Maggiore Generale nel 1907 assume quello di comandante generale della Regia Guardia di Finanza che mantiene fino al 1910, raggiungendo dal 1909 il grado di Tenente Generale. Nel biennio 1911- 1912 è comandante della Divisione Militare di Napoli. Dall’1 gennaio 1913 all’1 gennaio 1915 diventa il 16° comandante del IV Corpo d’Armata che in quel periodo ha sede a Genova. Questa sua nomina trova riscontro nell’ampia bibliografia dedicata alla storia della Grande Unità, dove compare si il suo nome senza però citarne la terra d’origine.

Nello stato di servizio del Generale Masi non compaiono presenze e partecipazioni dirette a campagne di guerra, non imputabili certo a scelte personali, ma solo a concomitanze dovute ai reparti comandati nei periodi interessati che , non coinvolti, non gli hanno offerto l’opportunità. E’ giusto comunque ricordare fra i suoi meriti il grande impegno per il riordino istituzionale della Guardia di Finanza che, grazie a lui, viene finalmente riconosciuta come Forza Armata dello Stato, divenendone quindi il primo comandante storico.

La cittadina natale di Lugo riconoscendo in lui un degno concittadino lo elegge per tre legislature quale rappresentante alla Camera.

Collocato in posizione ausiliaria per raggiunti limiti di età, porta la sua residenza a Bologna dove muore il 26 luglio 1915 quando l’Italia da due mesi è entrata in guerra.

 

Cartolina emessa in occasione della consegna nel 1911 della Bandiera di guerra alla Regia Guardia di Finanza, riconosciuta come Forza Armata dello Stato. Ottenuto dal 1906 la costituzione autonoma con un comando generale, il primo comandante fu il Gen. Tullo Masi, ricordato con l’inserimento della sua immagine.