albo d’oro degli alpini bolognesi romagnoli

Le croci di guerra al valore militare nella guerra 1940 - 1945
di Giuseppe Martelli

Le croci di guerra sono riferite solo a quelle ottenute in servizio nei Reparti Alpini e sono state verificate anche con ricerca sulla “Gazzetta Ufficiale” del Regno d’Italia e “Gazzetta Ufficiale” della Repubblica Italiana.
Diversi si fregiano oltre alla croce di guerra anche di medaglia d’argento o medaglia di bronzo.

pubblicato il 1° marzo 2003
nuovi inseriti (in rosso) il 1° maggio 2020


Antonelli Marino

Loiano (Bologna)
Caporale Maggiore
5° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Belluno”
Pljevlje
1 dicembre 1941
(Balcania)

(reduce decorato vivente)

SOCIO 1960

Antonioli Giovanni

Cattolica (Forlì)
Sottotenente cpl.
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
Nikolajewka
26 gennaio 1943
(Russia) 
(reduce decorato vivente)

Appi Daniele

Predappio (Forlì)
M
aresciallo Ordinario cpl.
8° Rgt. Alpini
Btg. "Tolmezzo"
Quota 1999 di Rmata
7 novembre 1940
Zona Frasceri
29-30 novembre 1940
(Grecia)

(reduce decorato vivente)
(2 medaglie)

Bagnolini Claudio

Forlì
autiere alpino
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
Zerenkow
18 gennaio 1943
(Russia) 

"alla memoria"

Baravelli Pietro

Bologna-
Sottotenente cpl.
8° Rgt. Alpini
1941
(Grecia) 
(reduce decorato vivente)

Baroncini Guerrino

Massa Lombarda (Ravenna)
artigliere alpino
5° Rgt. Art. Alpina
Zaluznica
5 dicembre 1941
(Balcania) 
(reduce decorato vivente)

Baroni Enrico

Comacchio (Ferrara)
Sottotenente cpl.
4° Rgt. Alpini
Btg. "Ivrea"
St. Foy Fek
23-24 giugno 1940
(Francia)
Caduto poi l'8 marzo 1941 in Grecia, decorato di medaglia d'argento
"alla memoria"

Benini Renato

Cesena (Forlì)
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
39ª batteria
Nowo Postopelowko-Normarowka
19-20-23 gennaio 1943
(Russia)
poi “disperso” 
il 31 gennaio


Bernabè Oscar

Brisighella (Ravenna)
Sergente
113ª sezione sussistenza
Corpo Armata Alpino
Rossosch
15-16 gennaio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)

Bernardini Giorgio (a)

Rimini (Forli)
Sottotenente cpl.
9° Rgt. Alpini
Ogren
26 novembre 1940
(Grecia)
(reduce decorato vivente)

Biavati Tancredi

Portomaggiore (Ferrara)
geniere alpino
3° Btg. Misto Genio
Div. Alpina "Julia"
1941
(Grecia) 

(reduce decorato vivente)

 

 

Bignami Tolmino

Bologna
Sottotenente cpl.
8° Rgt. Alpini
1941
(Grecia) 
(reduce decorato vivente)


Bulzacchi Guglielmo

Codigoro (Ferrara)
Sottotenente cpl.
8° Rgt. Alpini
Mali Qelqes
27 novembre 1940
(Grecia)
(reduce decorato vivente)

Buscaroli Ivo

Imola (Bologna)
artigliere alpino
5° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Belluno”
Pljevlje
1 dicembre 1941
(Balcania)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1954
(vedi nota fondo pagina)

Cananotto Giuseppe

Ravenna
Capitano cpl.
11° Rgt. Alpini
C.te compagnia
Plan du Fond
22 giugno 1940
(Francia)

(reduce decorato vivente)

Caprili Paolo

Cesena (Forlì)
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
39ª batteria
Nowo Postopelowko
19-20 gennaio 1943
(Russia)
"alla memoria"


Castellucci Giacinto

Ravenna
Sottotenente cpl.
8° Rgt. Alpini
Btg. "Val Tagliamento"
Mali Qelques
25-30 novembre 1940
(Grecia)
Caduto poi l'8 gennaio, decorato di medaglia di bronzo
"alla memoria"

Cavazza Francesco

Bologna
Tenente cpl.
8° Rgt. Alpini
Btg. “Gemona”
69ª compagnia
18 marzo 1941
(Grecia)
"alla memoria"

(vedi nota fondo pagina)

Cavazza Novello

Bologna
Sottotenente cpl.
Gruppo Art. Alpina “Valle Isonzo”
Rigistina-Skulikario-Panagià
17-21 gennaio 1943
(Balcania) 
(reduce decorato vivente)



Cavina Augusto

Castel S. Pietro (Bologna)
Caporale Maggiore
5° Rgt. Art. Alpina
Zuluznica
5 dicembre 1941
(Balcania)

(reduce decorato vivente)


Ceroni Giuseppe (3)

Faenza (Ravenna)
Tenente medico cpl.
307ª Sezione Sanità
C.do C. A. Alpino
Rossosch-Bielgorod
16 gennaio-2 febbraio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)

Chenda Italico

Bologna
Sottotenente cpl.
9° Rgt. Alpini
Monte Smolica
6 novembre 1940
(Grecia)
(reduce decorato vivente)
(vedi nota-b)
Poi caduto nel settembre 1942 in Africa Settentrionale nell'artiglieria "Folgore", decorato di medaglia d'argento
"alla memoria"

Contarini Giulio - nuovo

Fusignano (Ravenna)
Tenente medico
2° Rgt. Art. Alpina
Gr. "Valcamonica"
Medio Don
18-26 gennaio 1943
(reduce decorato vivente)

Conti Remo

Cesenatico (Forlì)
Caporale Maggiore
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
Postojaly
17 gennaio 1943
(Russia) 

(reduce decorato vivente)

De Dominicis Antonio

Migliarino (Ferrara)
Tenente Art. Alpina cpl.
C.do Superiore Forze Armate in Africa Settentrionale
febbraio-giugno 1941
(Cirenaica)
(reduce decorato vivente)

De Donato Antonio

Ferrara
Tenente cpl.
3° Rgt. Alpini
Btg. “Pinerolo”
Crete d'Abres-Busco di Peimayn
22-24 giugno 1940
(Francia)

(reduce decorato vivente)

Degli Esposti Ivo

Forlì
artigliere alpino
11° Raggr. Art. del Corpo d’Armata Alpino
Stara Kalitwa
20 dicembre 1942
(Russia)

(reduce decorato vivente)

Fantini Geo

Pontelagoscuro (Ferrara)
Sottotenente medico cpl.
8° Rgt. Alpini
Btg. “Gemona”
Seleny-Jar
16 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)

Forlani Franco

Molinella (Bologna)
Sottotenente cpl.
2° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Vicenza”
C.do Gruppo
Postojallj
19-20 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1960
(vedi nota fondo pagina)

Forni Amleto

Bologna
Sergente Maggiore
11° Raggr. Art.
del Corpo d’Armata Alpino
Fronte russo
18-31 gennaio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)

Forni Irnerio

S. Giov. Persiceto (Bologna)
Tenente medico cpl.
4° Rgt. Alpini
Btg. “Ivrea”
Montenegro, ottobre-dicembre 1943
(Montenegro)
(reduce decorato vivente)

Frabetti Corrado

Marrara (Ferrara)
Sergente Maggiore
5° Rgt. Alpini
Kamenice-Veskepeja
16-22 novembre 1940
Grecia)

(reduce decorato vivente)


Gallerani Luigi

Dodici Morelli (Ferrara)
Sottotenente cpl.
8° Rgt. Alpini
Btg. "Gemona"
Pindo
28 ottobre-9 novembre 1940
(Grecia)

(reduce decorato vivente)

Gallini Walter

Portomaggiore (Ferrara)
Caporale
III Btg. Misto Genio
Div. Alp. “Julia”
Rogorjo-Postojali
17 gennaio 1943
(Russia) 
(reduce decorato vivente)

Gandolfi Raffaele

Bologna
Tenente s.p.e.
7° Rgt. Alpini
partigiano combattente
Caraglio (Cuneo)
26-27-28 aprile 1945

(reduce decorato vivente)

Giardini Alberto Mario

Ravenna
Tenente cpl.
4° Rgt. Art. Alpina
C.do Rgt.
17-28 gennaio 1943
(Russia) 

(reduce decorato vivente)

Golinelli Gino

Bologna
autiere alpino
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
Zerenkow
18 gennaio 1943
(Russia)
"alla memoria"

Jacchini Umberto

Castel Bolognese (Rravenna)
Tenente Medico cpl.
9° Rgt. Alpini
Epiro-Pindo- (Grecia)
12 novembre 1940
Capitano medico cpl.
C.te 630° osped. campo
Div. Alp. “Julia”
Zimarew-Zereerenkow-(Russia)
18 gennaio 1943
(2 medaglie)
 
(reduce decorato vivente)


fotografia non inserita per
rispetto delle
volontà
testamentarie

Leoni Ulderico

Rocca S. Casciano (Forlì)
autiere alpino
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
Warwarowka-Nikolajewka
18 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)

Lideo Costantino

Ferrara
Caporale Maggiore
3° Btg. Misto Genio
Div. “Julia”
17-23 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)


 

Lorenzini Giuseppe

Loiano (Bologna)
artigliere alpino
2° Rgt. Art. Alpina
Medio Don
26 gennaio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)



Malacarne Ignazio

Ferrara
Tenente cpl.
8° Rgt. Alpini
Btg. “Gemona”
C.do Btg
Nikolajewka .
26 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1964

Mambelli Ivo

Forlì
autiere alpino
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
Rossosck
16 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)

Mazzini Giorgio

Savigno (Bologna)
artigliere alpino
11° Raggr. Art.
del Corpo d’Armata Alpino
Rossosch
15 gennaio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)

Mengoli Enrico

Castenaso (Bologna)
alpino
9° Rgt. Alpini
Kagjianas
19 aprile 1941
(Grecia)
(reduce decorato vivente)

Mistri Vittorio

Ferrara-
Sottotenente cpl.
4° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Pinerolo”
8ª batteria
1942
(Russia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1958
(vedi nota fondo pagina)


Molinari Giuseppe

Portomaggiore (Ferrara)
Colonnello s.p.e.
C.te 5° Rgt. Art. Alpina
Verzhezhe-Vallone di Zores
aprile 1941
(Grecia)
Caduto poi in Russia nel gennaio 1943, decorato di medaglia di bronzo
"alla memoria"
(vedi nota fondo pagina)

Montalti Mario

Cesena (Forlì)
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
39ª batteria
Novo Postopelowko
10-20 gennaio 1943
(Russia)
"alla memoria"

Montanari Domenico

Forlì
Maggiore s.p.e.
C.do Div. Alpina “Pusteria”
Ciafa Siracut-Erseka
13-22 aprile 1941
(Grecia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1964

Naldini Orlando

Civitella di Romagna (Forlì)
autiere alpino
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
20 gennaio 1943
(Russia)
"alla memoria"

Paoletti Guido

Bologna
Sottotenente
cpl.
7° Rgt. Alpini
Btg. “Feltre”
Miljeno
6 maggio 1942
(Balcania)
(reduce decorato vivente)

Pellizzari Vinicio

Casalecchio di Reno (Bologna)
Tenente amministrazione
cpl.
C.do Div. Alp. “Julia”
628° Osp. da campo
Nikolajewka
2 gennaio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)

Perelli Antonio

Rero (Ferrara)
Maggiore s.p.e.
8° Rgt. Alpini
C.te Btg. “Gemona”
dicembre 1940
(Grecia)
(reduce decorato vivente)

Poli Luigi

Ferrara
Sottotenente
cpl.
3° Rgt. Art. Alpina
Gruppo "Conegliano"
14ª Batteria
Epiro-Pindo
12 novembre 1940
(Grecia)
(reduce decorato vivente)
SOCIO 1964 

Righi Ettore

S. Pietro in Casale (Bologna)
Caporale
11° Raggr. Art.
del Corpo d’Armata Alpino
Wsehljowa
24 gennaio 1943
(Russia)
“alla memoria”  


Romani Luigi

Ferrara
alpino
8° Rgt. Alpini
Btg. "Cividale"
20 gennaio 1943
(Russia)
“alla memoria”

Rondelli Lidio

Monzuno (Bologna)
Caporale
2° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Vicenza”
45ª batteria
Opyt
20 gennaio 1943
(Russia)
“alla memoria” 

Roversi Mario

Cesena (Forlì)
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
39ª batteria
Don-Oligowka
16 gennaio 1943
(Russia)
“alla memoria” 

Rubini Amleto

Bologna
Capitano
cpl.
8° Rgt. Alpini
1941
1941
Grecia)
(reduce decorato vivente)
(2 medaglie)

Sangiorgi Pio Sanzio

Mordano (Bologna)
geniere alpino
9° Btg. Misto Genio
Colle del Piccolo San Bernardo
22-24 giugno 1940
(Francia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1960

Sartori Annibale

Forlì
Tenente Colonnello s.p.e.
C.te Quartier Generale
Div. Alp. “Julia”
Fronte russo
16-24 gennaio 1943
(Russia) 
(reduce decorato vivente)

 

 

Savini Quinto

Russi (Ravenna)
geniere alpino
3° Btg. Misto Genio
Mali Topojanit
30 dicembre 1940
(Grecia)

(decorato vivente)

poi caduto in Russia il 23 gennaio 1943

Severi Sante

Forlì
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alp.
Gr. “Val Piave”
39ª batteria
Nowo Postopelowko
19-20 gennaio 1943
(Russia)
"alla memoria"

Tomba Dario

Tredozio (Forlì)
autiere alpino
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
Bielgorod-Achtyrka
18 febbraio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)

Trentini Vittorio

Bologna
Tenente
cpl.
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
C.do Gruppo
Fronte russo
dicembre 1942-gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1950
(vedi nota fondo pagina)

Turci Gino

Forlì
Caporale Maggiore
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
39ª batteria
Fronte russo
19/26 gennaio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)

Utichi Normo (Norino)

Forlì
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val Piave”
39ª batteria
Fronte russo
19-23 gennaio 1943
(Russia) 
"alla memoria"

Vaioli Mario

Mandreolo (Bologna)
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alpina
Nikolajewka
26 gennaio 1943
(Russia) 
(reduce decorato vivente)

Vallerini Carlo

Bologna
Sergente
11° Rgt. Alpini
Novavaros
5 settembre 1941
(Grecia) 
(reduce decorato vivente)

Ventura Pietro

Casalecchio di Reno (Bologna)
artigliere alpino
6° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Val d’Adige“
Niksic
6 maggio 1942
(Montenegro)
“alla memoria“

SOCIO 1934
(vedi nota fondo pagina)

Venzi Lello

Forlì
artigliere alpino
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Conegliano”
gennaio 1943
(Russia)
"alla memoria"

Verità Arturo

Forlì
Caporale Maggiore
207° Autoreparto
Div. Alp. “Julia”
Zerenkow
18 gennaio 1943
(Russia)

"alla memoria"

Veronesi Alberto

Castelmaggiore (Bologna)
Sergente
11° Raggr. Art.
del Corpo d’Armata Alpino
Wsehljowa
24 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)

Vitali Rizieri

Bologna
guastatore alpino
XXX Btg. Guastatori
del Corpo Armata Alpino
Rossosch
15 gennaio 1943
(Russia) 
(reduce decorato vivente)

Zecchini Giorgio

Bologna
Sottotenente
cpl.
C.do C. A. Alpino
Autodrappello
Rossosch
15-16 gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)

Note : la sigla cpl. significa di complemento - la sigla s.p.e. significa in servizio permanente effettivo.
note:
i Reggimenti di Artiglieria da Montagna nella 2ª Guerra Mondiale assumono la denominazione di Artiglieria Alpina.
Antonelli Marino è stato consigliere sezionale dal 1980 al 1987.
Baroni Enrico caduto poi l'8 marzo 1941 sul fronte greco e decorato di medaglia d'argento alla "memoria".
(a) Giorgio Bernardini, trasferito nel marzo 1936 da Rimini a Parma, è stato per alcuni mesi del 1943, Presidente di quella Sezione di Parma (Comandante del Btg. "Parma" n.d.r.) La fotografia è stata gentilmente concessa dalla dott.ssa Sandra Marciatori, archivio storico dell'Università di Bologna.
Buscaroli Ivo
è stato Capogruppo del Gruppo di Dozza dal 1975 al 1994.
A Cavazza Francesco dei Conti Cavazza (conosciuto come Franco) è intitolato un rifugio alpino.
(3) La fotografia di Ceroni Giuseppe è stata gentilmente concessa dai figli Giorgio e Paolo (anche a nome degli altri tre fratelli).
Forlani Franco è stato Capogruppo del Gruppo di Molinella dal 1994 al 2003.
Mistri Vittorio è stato Capogruppo del Gruppo di Ferrara dal 1958 al 1960 e dal 1965 al 1967.
A Molinari Giuseppe è intitolato un parco nel paese natale di Portomaggiore, Ferrara.
La segnalazione di: Antonioli, Bagnolini, Baravelli, Benini, Bernardini, Caprili, Cavazza, Cavina, Ceroni, Conti, Degli Esposti, Fantini, Forni Amleto, Gallerani, Gallini, Giovacchini, Golinelli, Leoni, Lideo, Lorenzini, Mambelli, Mazzini, è pervenuta da Mario Gallotta del Gruppo di Ferrara.
Cavazza Novello dei Conti Cavazza è cugino di Francesco.
La Signora Bianca Castellucci, mamma del Sottotenente Giacinto Castellucci caduto nel 1941 sul fronte greco-albanese (2 medaglie di bronzo ed 1 croce), è stata la Madrina del Gruppo di Ravenna all’atto della ricostituzione avvenuta nel marzo 1956. A Giacinto Castellucci, quale studente caduto in guerra, l'Università di Bologna, in data del 5 novembre 1941, conferì la laurea honoris causa in
Medicina e Chirurgia.
La fotografia di Mambelli Ivo è stata concessa dal socio Enrico Panzavolta del Gruppo di Forlì, per interessamento di Mario Gallotta.
La fotografia di Biavati Tancredi è stata gentilmente concessa dal figlio Livio Biavati per interessamento di Glauco Tomaselli, residente a Portomaggiore (FE), socio del Gruppo di Ferrara.
La fotografia del Tenente De Donato Antonio è stata gentilmente concessa dall'Avv. Ettore Serafino allora Sottotenente nello stesso reparto, per interessamento di Mario Gallotta.
La fotografia di Lorenzini Giuseppe è stata gentilmente concessa dal figlio Cleber.
La fotografia di Gallini Walter è stata gentilmente concessa dallo stesso Gallini, per interessamento di. Mario Gallotta.
Le fotografie di Benini Renato e Caprili Paolo, inserite il 15 maggio 2009, sono state gentilmente concesse dall'avv. Roberto Manzo e tratte dal suo libro dedicato al nonno Gino Turci, reduce dal fronte russo, "1942-1943 , si salvi chi può" Società Editrice "Il Ponte Vecchio"- Cesena 2008.
(nota-b). La fotografia di Chenda Italico, inserita il 15 febbraio 2010, ci è stata inviata dal Col. degli alpini Antonio Masciarelli, Capo Sezione Collegamento Forze Terrestri e Navali della Divisione Operazioni Aeree del COFA di Poggio Renatico, Ferrara, e tratta dal libro di Lino Moroni "Tasi e Tira, ricordi di guerra del 3° Rgt. Art. Alpina".
Nota inviata da Mario Gallotta: Chenda Italico si arruolò successivamente nei Paracadutisti e cadde il 30 settembre 1942, sempre come artigliere, in servizio nel 185° artiglieria "Folgore", in Africa Settentrionmale, meritando la medaglia d'argento "alla memoria".

La fotografia di Luigi Gallerani è stata gentilmente concessa dalla figlia Sig.ra Elena, per interessamento di Mario Gallotta.
Trentini Vittorio
è stato Presidente di Sezione dal 1965 al 1981 quindi Presidente Nazionale dell’A.N.A. dal 1981 al 1984.
A Ventura Pietro è intitolato il Gruppo di Casalecchio di Reno/Sasso Marconi, Bologna.
La segnalazione di: Montalti, Naldini, Pellizzari, Righi, Roversi, Romani, Severi, Tomba, Turci, Ubichi, Venzi, Verità, Veronesi, Vitali, Zanchettin, Zecchini, è da Mario Gallotta.
Le fotografie di Montalti Mario, Roversi Mario, Severi Santo, Turci Gino, Utichi Normo sono state gentilmente concesse dall'avv. Roberto Manzo e tratte dal suo libro dedicato al nonno Gino Turci, reduce dal fronte russo, "1942-1943 , si salvi chi può"
Società Editrice "Il Ponte Vecchio"- Cesena 2008.
La fotografia di Tomba Dario ci è stata gentilmente concessa dal nipote Antonio Tomba.


Decorati di croce di guerra nati “fuori territorio” bolognese romagnolo poi residenti.

Ho ritenuto anche ricordare quei decorati, che pur non essendo nati nel nostro territorio, qui hanno risieduto.

Bedeschi Giulio

Arzignano (Vicenza)
Resid. a Forlì
Sottotenente
cpl.
3° Rgt. Art. Alpina
Gr. “Conegliano”
13ª batteria
Fronte russo
dicembre 1942, gennaio 1943
(Russia)

(reduce decorato vivente)
(2 medaglie)
 

Bernardini Gino

Reggio Emilia
Resid. a Bologna-------
Tenente Colonnello s.p.e.
1° Rgt. Alpini
C.te Btg. “Ceva”
Combe de Foulieuse
23 giugno 1940
(Francia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1960 

Branzi Attilio

Dimaro (Trento)
Resid. a Bologna
Sottotenente medico cpl.
11° Rgt. Alpini
Btg. "Val Fassa"
Pressi di Plan du Fond
22 giugno 1941
(Francia)
(reduce decorato vivente)

 

Brevi padre Giovanni

Rocca del Colle (Bergamo)
Resid. a Bologna
Tenente Cappellano
cpl.
9 ° Rgt. Alpini
Btg. "L'Aquila"
Mali Scindeli
11 marzo-11 aprile 1941
(Grecia)

(reduce decorato vivente)
Reduce anche dal fronte russo, decorato di medaglia d'Oro.

Caruso Vito

Salemi (Trapani)
Resid. a Bologna
Tenente s.p.e.
2° Rgt. Art. Alpina
Colle della Seigne
25 giugno 1940
(Francia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1970 

Ciglieri Carlo

Torino
Resid. a Bologna
Ten. Col. di Stato Magg. s.p.e.
C.do Div. Alp. Taurinense
Montenegro-Sangiaccato
8 settembre 1943-30 giugno 1944
(Montenegro)
(reduce decorato vivente)

Crispolti Vittorio

Perugia
Resid. a Bologna
Sottotenente
cpl.
8° Rgt. Alpini
Btg. “Gemona”
69ª compagnia
Selenj Yar-Nikolajewka
16-26 gennaio 1943

(Russia) 

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1955

Loffredo Gaetano

Cagliari
Resid. a Bologna------
Maggiore s.p.e.
5° Rgt. Alpini
C.te Btg. "Tirano"
1941
(Grecia)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1955 

Periz Vincenzo

Udine
Resid. a Bologna------
Tenente
cpl.
8° Rgt. Alpini
Bryaza
7 novembre 1940
(Grecia) 
(reduce decorato vivente)

Pinelli Paolo

Alessandria
Resid. a Bologna
Capitano veterinario cpl.
C.do Div. Alp. Tridentina
Medio Don-Schebekino 16-31 gennaio 1943
(Russia)
(reduce decorato vivente)
SOCIO 1950

Rossi Mario

Venezia
Resid. a Bologna
Tenente cpl.
2° Rgt. Art. Alpina
Le Crot
22-23 giugno 1940
(Francia)
(reduce decorato vivente)
SOCIO 1950

Rozzi Ferdinando

Teramo
Resid. Bologna
Capitano
cpl.
103° Btg. Alp. di marcia Div. "Julia"
Monte Keuni
10 maggio 1943
(Montenegro)

(reduce decorato vivente)
SOCIO 1960

Santarelli Orlando

Mestre (Venezia)
Resid. a Ravenna
Sergente Maggiore
Quartier Gen. Div. Alpina "Julia"
23 gennaio 1943

(Russia) 
(reduce decorato vivente)

Scodavolpe Fernando

Fano (Pesaro)
Resid. a Bologna
Sergente
3° Rgt. Art. Alpina
Gruppo "Udine"
18^ batteria
Mali Bosceistait
10 marzo 1941
(Grecia)

(reduce decorato vivente)

Terzi di Sant'Agata Giulio (0)

Bergamo
Resid. per studio a Bologna
Tenente cpl.
5° Rgt. Alpini
partigiano combattente
16 agosto 1944
Avezzano (L'Aquila)
"alla memoria"

Zuanni Aulo (0)

Trieste
Resid. per studio a Bologna
Sottotenente cpl.
3° Rgt. Art. Alpina
Gruppo "Conegliano"
14ª batteria
Epiro
28 ottobre-11 novembre 1940
Caduto poi il 7 marzo 1941 (Grecia)
"alla memoria"

 

 

Zanchettin Aldo

Venezia
Resid. a Bologna
Sottotenente
cpl.
6° Rgt. Alpini
Btg. “Verona”
Nikolajewka
26 gennaio 1943
(Russia) 
(reduce decorato vivente)

Note : la sigla cpl. significa di complemento - la sigla s.p.e. significa in servizio permanente effettivo.
note:

Bedeschi Giulio, il noto scrittore, ha risieduto per molti anni a Forlì ed era iscritto come leva militare al Distretto di Bologna.
Bernardini Gino è stato Presidente Onorario della Sezione dal 1972 al 1976.
Brevi padre Giovanni, è stato poi decorato di medaglia d'Oro al valor militare per l'eroico comportamento in prigionia, dal 1943 al 1954, nei diversi campi di concentramento in Russia.
Caruso Vito è stato vice Presidente di Sezione al 1973 al 1982.
Ciglieri Carlo è stato Comandante del 4° Corpo d'Armata Alpino dal 1963 al 1966.
Loffredo Gaetano è stato nel Collegio dei Probiviri della Sezione dal 1959 al 1968.
Periz Vincenzo è stato Presidente della Sezione di Reggio Emilia dal 1957 al 1964 e della Sezione di Vicenza da 1965 al 1986. Inoltre ha ricoperto la carica di vice Presidente Nazionale dell’Ass. Naz. Alpini dal 1978 al 1981 e consigliere nazionale dal 1956 al 1961 e dal 1976 al 1981.
Rozzi Ferdinando era nato a Teramo (segnalato da Mario Gallotta) e non a Bologna come in precedenza indicato, ed è stato consigliere sezionale dal 1970 al 1975.
La segnalazione di: Crispolti, Periz, Santarelli, Scodavolpe, Zuanni, è pervenuta da Mario Gallotta.
(0) a Terzi di Sant'Agata Giulio quale studente caduto in guerra, l'Università di Bologna, in data del 7 dicembre 1946, conferì la laurea honoris causa in Economia e Commercio.
(0)
a Zuanni Aulo, quale studente caduto in guerra, l'Università di Bologna, in data del 7 dicembre 1946, conferì la laurea honoris causa in Chimica Industriale.
La fotografia di Zanchettin Aldo è l'unica immagine rintracciata che lo ritrae già "vecio" ed è pervenuta da Mario Gallotta.