archivio Giuseppe Martelli
dedicato agli alpini in armi e in congedo

Rifugi e Bivacchi di montagna intitolati agli alpini

 

Rifugio fratelli Fonda Savio

   


Piero

Paolo

Sergio (adolesente)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo Rifugio intitolato alla memoria dei tre fratelli Fonda Savio si trova al Passo dei Tocci nel Gruppo dolomitico dei Cadini di Misurina, Comune di Auronzo di Cadore (Belluno) a quota 2367 metri. Il Rifugio è di proprietà della Società XXX Ottobre, Sezione C.A.I. di Trieste che nel 1948 nel decide la costruzione e nel 1951 iniziano i lavori in un primo tempo realizzando una semplice baracca in legno poi man mano amodernato e completato nel 1962. Viene inaugurato il 28 luglio 1963 ed utilizzata come ricovero dagli escursionisti. Nel 1994 si decide un radicale amodernamento realizzando una prima struttura in muratura che viene ulteriormente ampliata nel 2003. All'atto dell'inaugurazione nel 1963 viene dedicato alla memoria dei triestini fratelli Fonda Savio.
I fratelli Fonda Savio erano figli di Antonio (Trieste 1895-Trieste 1973), Ufficiale degli alpini nella Grande Guerra 1915-'18, partigiano combattente, personalità della cultura della Venezia Giulia, Dalmata e Istriana. Come comandante partigiano (col nome di battaglia Manfredi) del Corpo Volontari della Libertà triestino, legato al CLNAI, guidò assieme ad Edoardo Marzari l'insurrezione cittadina di Trieste del 30 aprile 1945 contro gli occupanti tedeschi. Dopo il 1° maggio dello stesso anno, occupata la città dalle milizie comuniste jugoslave, si adoperò attivamente a rischio della propria incolumità in difesa dell'italianità di Trieste, contro le mire annessionistiche del vicino stato. La famiglia fu colpita da tragici lutti negli anni della seconda guerra mondiale: le disgrazie che coinvolsero prematuramente tutti i loro tre figli, Paolo e Pietro morirono nella Campagna di Russia, mentre il più giovane Sergio cadde a Trieste proprio in occasione dell'insurrezione della primavera del 1945.

 

Piero Fonda Savio - Trieste 27 giugno 1920 - in prigionia a Tambov (Russia) 27 marzo 1943
Tenente di complemento nel 3° Rgt. artiglieria alpina, Divisione "Julia". A Fonda Savio Piero, quale studente caduto in guerra, l'Università di Bologna in data 15 ottobre 1955, conferì la laurea "honoris causa" proclamandolo dottore in Chimica Industriale.

Paolo Fonda Savio - Trieste 20 luglio 1921- in prigionia a Tambov (Russia) nel marzo 1943
Sottotenente di complemento nel 9° Rgt. alpini, Btg. "L'Aquila" 119ª compagnia, Divisione "Julia". A Fonda Savio Paolo, quale studente caduto in guerra, l'Università di Bologna in data 15 ottobre 1955, conferì la laurea "honoris causa" proclamandolo dottore in Ingegneria Civile.

Sergio Fonda Savio - Trieste 1924 - Trieste 1° maggio 1945
Studente universitario caduto a Trieste durante l'insurrezione contro i tedeschi guidata fra gli altri dal padre Antonio.